Bellaria Film Festival - Bellaria Igea Marina (RN) - ITALY

211: Anna

di Giovanna Massimetti, Paolo Serbandini

Regia: Giovanna Massimetti, Paolo SerbandiniFotografia: Vladimir Ivanov, Nino Fezza, Giuseppe MottolaSuono: Aleksej GordeevMontaggio: Gabriele Spinelli, Vittorio De FeliceProduttore: Stefano Alpini Produzione: Polis srlContatti: giomasit@yahoo.itp.serbandini@gmail.comalpini@sp.unipi.itOrigine: Italia 2007/2008Formato: DvCam, coloreDurata: 90 min. 
Anna Politkovskaja, uccisa il 7 ottobre 2006 davanti all’ascensore della sua casa, è il duecentundicesimo giornalista ammazzato in Russia dal crollo dell’URSS. Il film è la storia di Anna e Aleksandr, moglie e marito, entrambi giornalisti, lui star della tv nella seconda metà degli anni ottanta e simbolo della perestrojka, lei coraggiosa e appassionata testimone della tragedia cecena dal 1999 al 2005. Attraverso Anna e Aleksandr, marito e moglie e giornalisti simbolo di due periodi cruciali della storia russa, attraverso la loro storia privata e la loro attività professionale, il film traccia un arco di storia russa straordinario, che va dall’estremo tentativo di salvare l’utopia comunista al crollo dell’Urss sino all’instaurazione del potere di Putin. Tre sono i filoni attraverso cui si sviluppa il film: le testimonianze dirette, il materiale di repertorio, gli scritti di Anna. E’ soprattutto il marito Aleksandr a raccontare la figura di Anna. Ma la trama si allarga ai racconti dei figli, degli amici, dei colleghi, della gente comune. E, tra la gente comune, alle persone protagoniste del suo lavoro di giornalista, dalle famiglie cecene distrutte, ai parenti delle vittime degli attentati di Mosca: insomma, a coloro che si rivolgevano a lei perché li aiutasse. Il film si apre e si chiude con “Il racconto del colonnello Mironov”: è un articolo di Anna Politkovskaja pubblicato dal suo giornale. Ma è un articolo assolutamente fuori dal comune: raccontando un incontro casuale con un ufficiale russo, durante il volo notturno di un elicottero militare sulla Cecenia, Anna per la prima volta mette a nudo se stessa, parla della sua vita e della sua tragica solitudine. (Giovanna Massimetti, Paolo Serbandini)
Giovanna Massimetti è autrice e regista televisiva. Ha conseguito il diploma di sceneggiatura cinematografica presso il Centro Studi Comunicazione di Roma. Dal 1991 lavora in Rai. Ha diretto diversi cortometraggi selezionati in festival internazionali, tra cui Finestre azzurre (1991) e Giù le mani (1994). Insieme a Paolo Serbandini, ha scritto la sceneggiatura di un film su un giovane comunista italiano che giunge a Mosca nei primi anni trenta e finirà travolto dal Terrore staliniano. L’ultimo lavoro realizzato per Rai3 insieme a Paolo Serbandini è Far East.Paolo Serbandini. Giornalista, sceneggiatore cinematografico, autore televisivo, ha studiato all’Università di Mosca. Ha tradotto classici della letteratura russa e sovietica. Durante la perestrojka, è caporedattore della sede romana dell’agenzia di stampa sovietica Novosti e direttore del mensile “Urss Oggi”. Aiuto regista di Bondarciuk (Waterloo, 1967) e di Vittorio De Sica (I girasoli, 1969), autore di numerose sceneggiature: l’ultimo film scritto, I demoni di San Pietroburgo di Giuliano Montaldo (2008). Autore di due documentari sui tentativi di colpo di stato in Russia (1991-1993) trasmessi da Rai3. Inviato speciale di Ballarò, nel 2005 vince il Premio Baldoni con un reportage sull’emigrazione clandestina girato in Libia. Ha incontrato e intervistato due volte Anna Politkovskaja. L’ultimo lavoro realizzato per Rai3 insieme a Giovanna Massimetti è Far East.
Vedi tutti i Film
Adria Web - Realizzazione Siti Internet Rimini