Bellaria Film Festival - Bellaria Igea Marina (RN) - ITALY

Edizione 2005 - Comunicati

  • 22 Mar 2006Finalmente online il bando del Concorso a tema fisso

    A questo indirizzo http://www.bellariafilmfestival.org/news.html?id=6 è finalmente disponibile il bando per il Concorso 150 secondi a tema fisso. Il tema 2006 è 9 APRILE

  • 25 Gen 2006Il regolamento del Premio Casa Rossa Doc

    A questo Indirizzo http://www.bellariafilmfestival.org/news.html?id=5 è possibile scaricare il regolamento per il Premio Casa Rossa Doc 2006.

  • 21 Gen 2006Ecco il regolamento del prossimo Bellaria Film Festival

    A questo indirizzo: http://www.bellariafilmfestival.org/news.html?id=4 è possibile scaricare regolamento e entry form per il Concorso Anteprima Doc.

  • 20 Dic 2005Fabrizio Grosoli è il nuovo direttore del BellariaFilmFestival

    Fabrizio Grosoli è il nuovo direttore delAnteprima - Bellaria Film Festival.Nell’incontro di presentazione allastampa, questa mattina, Grosoli haesposto le linee guida del programmadella prossima edizione del Festival chemodificano in modo sostanziale quellodelle scorse gestioni artistiche.Pur nel rispetto dell’identità culturalecostruita negli anni dal Festival e dellavoro appassionato delle precedentidirezioni, il nuovo corso di ANTEPRIMA -BELLARIA FILM FESTIVAL sicaratterizzerà in modo determinante, senon esclusivo, per l'attenzione rivolta aldocumentario, una delle manifestazionicinematografiche più interessanti diquesto periodo e che già ha avuto mododi intorno emergere con chiarezza nelleultime edizioni.Negli ultimi anni il documentario si èaffermato come la forma di espressionee produzione indipendente più vitale,originale ed attiva nonostante la povertàdi mezzi determinata dalla storicacarenza d’attenzione da parte delle TV edelle istituzioni pubbliche. In tutto ilmondo il documentario – nella suaaccezione di “cinema del reale”, dinarrazione creativa e autoriale dellarealtà – è diventato il fenomeno piùinnovativo di produzione d’immagini el’Italia come nel resto del mondo ilpubblico (a partire da quello delle salecinematografiche) si è mostrato moltoattento e motivato e ha decretato ilsuccesso di cineasti importanti comeMichael Moore , ma anche di piccoli filmcome Essere e avere del franceseNicolas Philibert o La storia del cammelloche piange del 2004 per la regia di LuigiFalorni e il più recente successo ottenutoda La marcia dei pinguini di Luc Jacquet.Per tutto questo e per altro ancorail “palinsesto” di Bellaria – a partire dalconcorso principale – sarà dunquededicato al documentario nazionalesenza dimenticare uno spazio per unavetrina internazionale e per alcune dellesezioni “storiche”, dalla festa dicompleanno dedicata ai 30 anni di ungrande film italiano ai cortissimi di 150secondi realizzati con nuovi dispositivitecnologici.Un festival dunque che si vuole giovanee che intende con forza riconfermarsicome luogo di incontro di tutto il cinemaitaliano. L’appuntamento è per le datetradizionali di Bellaria, dall’1 al 4 giugno2006.Fabrizio Grosoli giornalista, criticocinematografico, distributore eproduttore cinematografico, hapubblicato e curato libri sul cinematedesco, francese e italiano.E’ stato co-direttore artistico diRIMINICINEMA negli anni che vanno dal1988 al 1997 insieme a AlbertoFarassino, Miro Gori e Roberto Silvestri.Dal 1999 al 2001 nel Comitato diSelezione della Mostra del Cinema diVenezia, sotto la direzione di AlbertoBarbera e successivamente co-responsabile della sezione Nuovi Territorialla Mostra del Cinema di Venezia nel2003 con Moritz De Hadeln.Come produttore ha lavorato per moltianni a TELE+, dalla nascita della pay tvnel 1990 fino al 2003, quando c’è stato ilpassaggio a SKY, come responsabiledella programmazione nella sezionecinema, come caporedattoredell'informazione cinematografica edal '97 anche come responsabile delleacquisizioni e coproduzioni didocumentari.Dal 2003 lavora alla FANDANGO, casa diproduzione cinematografica fondata ediretta da Domenico Procacci, comeresponsabile dell’area di distribuzione edell’area produzione di documentari.

  • 08 Giu 2005vincitori 150 secondi

    La giuria del Concorso 150 secondi atema fisso. Il voto, composta da LucianaLittizzetto, Curzio Maltese e Neri Marcorèha deciso di segnalare i seguenti lavori:"Last wish" di Alessandro Maresca,il tema sviluppato è più quello dellagiustizia e della pena di morte, che non ilvoto, ma il lavoro comunque si segnalaper la grande padronanza degli strumentinarrativi, per l’originalità e il sapiente usodel genere; "Seggio 17" di SimonaMeriggi, per l’abilità di ironizzare su unaserie di temi, il voto, la superstizione, iparadossi della politica italiana nel brevetempo di una trovata; La giuria assegnaa maggioranza il primo premio a"Insideout" di Alessandro Quadrettiche è il lavoro più maturo dal punto divista linguistico e che ha reso conmaggiore ricchezza i possibili significati diuna scelta.

  • 07 Giu 2005Distribuzione Cineforum

    Il Bellaria Film Festival "ANTEPRIMA per ilcinema indipendente italiano" hamanifestato nell'edizione del 2005 laprecisa volontà di promuovere il nostrocinema in modo diverso e più attento.Per questo la direzione artistica dellamanifestazione ha istituito quest’anno laGiuria Distribuzione. L’idea, moltosemplice ma di sicuro valore nell’ambitodei riconoscimenti attribuiti nei festival, èquella di premiare gli autori con lapromozione delle loro opere nel circuitodei cineforum, dei cineclub e delle tantealtre sale che sono interessate anche alcinema indipendente. Viene così offertaagli autori e ai film quella visibilità minima,necessaria e non relegata al circuitofestivaliero, che è una delle maggioriaspirazioni di ogni giovane cineasta.La Giuria Distribuzione, composta daMaurizio Cau (Rovereto), AntonelloCentomani (Napoli), Filippo D’Angelo(Bologna), Bruno Fornara (Omegna),Francesco Romanazzi (Pisa), AngeloSignorelli (Bergamo), è lieta di indicare leopere di “Concorso Anteprima” cheverranno promosse alla distribuzione:"Di madre in figlia" di Fabiana Sargentini,per la delicatezza del guardare e lasincerità dei tanti sguardi che a loro voltaci guardano; "La morte mi fa ridere, lavita no! Piero di Livorno" di LucaMandrile, Umberto Migliaccio e Claudio DiMambro, per l’irriguardosa e amorevoleaffettuosità; "La città del silenzio" diRiccardo De Cal, per la cognizione di unpassato ma ancora presentedolore; "Uomodonna" di RobertoScappin, per l’astratta sincerità; "Senzatempo" di Antonio Bellia e GiacomoIuculano, per la vecchia-giovaneinvenzione narrativa; "Mio fratello Yang"di Massimiliano e Gianluca De Serio, perla distaccata intimità; "Mrs. Flo...Nightmare!" di Pasquale Del Castello eSandra Pastore, per l’irriverentearguzia; "Flor da baixa" di Mauro Santini,per la misteriosa semplicità; "3 mm" diAlessandro Maresca, per l’arrischiatasoggettività da sopravvissuto.

  • 06 Giu 2005I vincitori di Anteprima

    La Giuria del concorso Anteprima per il cinema indipendente italiano, composta da Aisha Cerami, presidente, Umberto Curi, Antonello Fassari, Bruno Fornara, Domenico Starnone, prende atto con soddisfazione del buon livello delle opere presentate.La giuria ha attribuito tutti i premi all’unanimità e conferisce una menzione ai seguenti lavori:- "Come prima", di Mirko Locatelli- "Quintosole" di Marcellino De Baggis- "Il palombaro" di Valentino Murgese e Riccardo Farina- "Senza tempo" di Antonio Bellia e Giacomo Iuculano- "Uomodonna" di Roberto Scappin. Il premio “Alberto Farassino” viene assegnato a "La città del silenzio" di Riccardo De Cal per la delicatezza, la sobrietà e l’incisività del linguaggio, con cui indica, in un luogo popolato dai fantasmi della follia, un passato e un’assenza che persistono.Il secondo premio viene assegnato a "La morte mi fa ridere, la vita no! Piero di Livorno", di Claudio Di Mambro, Luca Mandrile, Umberto Migliaccio per l’intelligenza, la leggerezza e l’ironia con le quali ci restituisce un personaggio e un’epoca. Il primo premio viene assegnato ex-aequo a:- "La stoffa di Veronica", di Emma Rossi-Landi e Flavia Pasquini, per la rara capacità di combinare alcune scelte originali sul piano del linguaggio con la costruzione di una storia riguardante una donna proveniente dall’Europa Orientale, emblematica dal punto di vista umano, politico e sociale. "Di madre in figlia", di Fabiana Sargentini, per la meditata composizione e l’appassionata emotività con le quali costruisce, senza particolari schematismi, un mosaico di figure femminili capaci di evocare l’enigmatico rapporto tra madre e figlia.

  • 01 Giu 2005Il programma è on-line

    Il programma della ventitreesima edizione del Bellaria Film Festival è online.Potete consultarlo in questa pagina http://www.bellariafilmfestival.org/programma.html

  • 20 Mag 2005Comunicato stampa 1

    Grande fermento per i preparativi della 23° edizione del Bellaria Film Festival “Anteprima“ per il Cinema Italiano diretto da Morando Morandini, Antonio Costa, Daniele Segre che si svolgerà da giovedì 2 a domenica 5 giugno.Bellaria Film Festival “Anteprima” non è solo e soltanto una vetrina d’opere del cinema indipendente italiano in tutte le sue accezioni (documentari, film a soggetto, video, digitale), vuole essere anche una voce fuori dal coro che salvaguarda la cultura cinematografica per chi la fa, come i direttori dei Festival. La serata inaugurale è a loro dedicata con il prodotto di montaggio realizzato da studenti di cinema; a cui farà seguito un meeting di confronto sul senso e il significato dei molteplici festival di cinema sparsi sulla penisola. Tra i direttori intervistati: Alberto Barbera, Oscar Cosulich, Maurizio Di Rienzo, Giorgio Gosetti, Stefano Martina, Emanuela Martini, Mario Sesti, Roberto Silvestri, Giovanni Spagnoletti.Spesso i direttori dei Festival, ciascuno per la sua parte, agiscono con il talento del ricercatore, dell’entomologo dell’immaginario, dell’archeologo della pellicola, dello specialista del genere, con l’intenzione di dare visibilità all’invisibile. Il grido d’allarme è partito dal Bergamo Film Meeting che come altri festival si è visto tagliare il budget dalle amministrazioni pubbliche a favore di manifestazioni vocate allo star system. L’impressione che se ne ricava è quella di una particolare specie di pulizia culturale voluta dalle attuali politiche governative. La selezione delle opere del CONCORSO ANTEPRIMA è agli sgoccioli e sarà resa nota solo a metà maggio. La giuria del concorso Anteprima è composta da Aisha Cerami, Umberto Curi, Antonello Fassari, Mario Monicelli, Domenico Starnone, Bruno Fornara. Il Premio Farassino, in omaggio al critico scomparso, andrà a quell’opera del Concorso Anteprima che si è particolarmente distinta per originalità d’uso del linguaggio cinematografico. Tra le novità: ci sarà una giuria alternativa il cui compito sarà quello di individuare tra i film in concorso un certo numero di film da distribuire nel circuito dei cineclub e cineforum. Non a caso i membri della giuria sono tutti responsabili di cineclub. Tra i nomi: Angelo Signorelli, (Lab80 Film); Maurizio Cau, Rovereto; un rappresentante dell’Arsenale di Pisa (Camilla Colaprete o Daniela Meucci); Filippo D’Angelo (Vitagraph di Bologna); Antonello Centomani (cineclub della Galleria Toledo di Napoli).Da quest’anno alla giuria dei critici cinematografici per il tradizionale Concorso Casa Rossa, dedicato alle opere uscite nelle sale durante il corso del 2004, si affianca quella dei lettori della rivista FILM TV, e viene istituito il PREMIO FILMTV. I lettori potranno votare on line o inviare la scheda di voto direttamente alla segreteria del festival attraverso il sito della rivista. Le opere selezionate dai direttori per il CASA ROSSA sono: Cartoni animati di Franco e Sergio Citti, Certi Bambini di Andrea e Antonio Frazzi, Il vento di sera di Andrea Adriatico, La Spettatrice di Paolo Franchi, Lavorare con lentezza di Guido Chiesa, Mi piace lavorare di Francesca Comencini, Occhi di Cristallo di Eros Puglielli, Volevo solo dormirle addosso di Eugenio Cappuccio.Il tema scelto per il concorso 150 SECONDI è IL VOTO. Il voto come vocazione, come politica, come promessa, come religione, come…Nel Fuori Concorso la direzione ha scelto temi legati al mondo del teatro, alla storia, alle donne, e all’immigrazione. Alcuni titoli: La donna è donna; La voce, il corpo, lo spazio; Le ragioni dell’altro; Persone nel tempo.FESTA DI COMPLEANNO: saranno festeggiati i trent’anni de La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone di Pupi Avati. Ospiti: Pupi Avati, Gianni Cavina, Patrizia De Clara. CINEMA UTILE: CINEMA E PSICHIATRIA Partendo dallo storico film Matti da slegare di Silvano Agosti, Marco Bellocchio, Sandro Petraglia, Stefano Rulli (1975), il festival dedicherà lo spazio di Cinema Utile ai temi della psichiatria, dell’antipsichiatria e del disagio mentale con l’intervento di eminenti psichiatri tra i quali il Prof. Agostino Pirella (uno dei fondatori e psichiatria democratica). In questa sezione oltre al citato Matti da slegare saranno presentate le pellicole: Regard sur la folie di Mario Ruspoli (1961); Un silenzio particolare di Stefano Rulli (2004); Vestiti di vita di Daniele Segre (2004); Manila Paloma Blanca di Daniele Segre (1992); Stanza 21 di M. Oleotto (allievo SNC; 2005).I MESTIERI DEL CINEMAAntonello Fassari, attore, viene pubblicamente intervistato da Serena Dandini; Domenico Starnone interviene sulla sceneggiatura e Pupi Avati per la regia; infine Luigi Rossini della Film Commission del Comune di Roma parlerà della funzione e utilità delle P.A. per promuovere i film realizzati nelle proprie regioni.VIDEOMAGAZINEBellaria Film Festival è una palestra di formazione. Fra i primi turisti della stagione estiva bellarese, durante i giorni del festival, s’aggirano vari gruppi di ragazze e ragazzi con telecamere e microfoni: è la troupe del Videomagazine di Anteprima. Circa venti studenti, provenienti dalle università di Bologna, Venezia, Pisa, Napoli, Torino, scatenati a fare interviste a registi e attori, a critici e a passanti, a inventarsi scenette e gag, a documentare la vita quotidiana del festival, mentre un altro gruppo, gli allievi di montaggio della Scuola Nazionale di Cinema di Roma, taglia e cuce in modo da arrivare a tempi di record alla proiezione serale, prima di ogni programmazione. Il tutto sarà coordinato da Daniele Segre.Il tema scelto per CINEMA PER LA REALTA’ 2005 è Volontari a Rimini. Il bando si scarica sul sito www.bellariafilmfestival.org.Per il Concorso Cinema della Realtà 2004, ha vinto il soggetto sul tema Racconti di agricoltura. Il film realizzato dal medesimo soggetto tra il 2004 e il 2005 verrà presentato come di consueto in questa edizione: Sadurano, una comunità agricola. Realizzato dagli stessi operatori della piccola azienda agricola. La vita quotidiana tra agriturismo, punti vendita, allevamento, ristorante. Ufficio Stampa Studio RiccioMoira Miele&Diana Massarotto06.97842840348.3838396-368.3903801e-mail: studioriccio@fastwebnet.itwww.bellariafilmfestival.org

Torna all'Archivio
Adria Web - Realizzazione Siti Internet Rimini