Bellaria Film Festival - Bellaria Igea Marina (RN) - ITALY

Edizione 2008 - Comunicati

  • 19 Gen 2009BELLARIA FILM FESTIVAL NUOVE DATE E NUOVI BANDI DI CONCORSO

    Si aprono le selezioni per l'edizione 2009 del Bellaria Film Festival Anteprimadoc, che quest'anno si svolgerà a Bellaria Igea Marina (Rimini) dal 2 al 6 giugno 2009.La 27ª edizione del Bellaria Film Festival AnteprimaDoc è promossa dal Comune di Bellaria Igea Marina, con il contributo del Ministero per i beni e le attività culturali, della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Rimini.Il festival, diretto per il quarto anno consecutivo da Fabrizio Grosoli, è tra gli appuntamenti più rilevanti per il documentario narrativo e di creazione, e si propone di ricercare, valorizzare e promuovere i prodotti della cinematografia documentaria italiana e favorire lo scambio e il confronto di esperienze tra i cineasti.Al concorso Anteprimadoc possono partecipare i film documentari inediti terminati dopo il 1° gennaio 2008 (liberi il formato e la durata). I lavori sottoposti alla selezione non devono essere stati presentati in altri festival o distribuiti nelle sale cinematografiche. Per la proiezione pubblica sono ammessi i formati 35 mm e 16 mm per le pellicole; Betacam SP per i video. Il termine del bando è fissato al 1° aprile 2009.La giuria assegnerà, il primo premio (pari a 5.000 euro), al regista del miglior film o video ed il secondo premio (pari a 2.000 euro).Il Bellaria Film Festival assegna anche il Premio Casa Rossa Doc dedicato a documentari di creazione e narrativi che siano stati distribuiti nelle sale, abbiano partecipato a un festival nazionale o siano stati diffusi da un canale TV nazionale dopo il 9 giugno 2008. Il premio intende segnalare i migliori documentari italiani dell'anno; la preselezione è effettuata in collaborazione con Doc/it ed affidata ad un comitato di esperti del settore.Il Premio, dell’importo di 5.000 Euro, sarà assegnato da una giuria popolare attraverso un voto espresso durante lo svolgimento del festival. Anche in questo caso il termine del bando è fissato al 1° aprile 2009.Informazioni ed entry form su http://www.bellariafilmfestival.org (info: tel. 0541/343889 - 343708).Segreteria:c/o Biblioteca ComunaleViale Paolo Guidi 108 - 47814 Bellaria Igea Marina (RN)Tel. 0541/343889 – 0541 343706 dir. organizzativaFax 0541/349563 – 0541 343705http://www.bellariafilmfestival.org e-mail: info@bellariafilmfestival.orgUfficio Stampa BFF – AnteprimadocCatia Donini (catia.donini@gmail.com)Barbara Perversi (barbara.perversi@gmail.com)

  • 09 Giu 2008I premi del Bellaria Film Festival 2008

    La Giuria del concorso Anteprimadoc, composta da Ascanio Celestini, Guido Chiesa, Gabriella Gallozzi, Francesco Piccolo, Alba Rohrwacher, dopo aver visionato i 14 lavori in concorso ha assegnato i seguenti premi:Il Primo Premio, Vela d’Oro (5000 euro) a:LO ZIO SEM E IL SOGNO BOSNIACO di Chiara Brambillaperché attraverso il racconto dell’improbabile scoperta delle piramidi più grandi del mondo sui territori devastati dalla dimenticata guerra dell’ex Jugoslavia, riflette con ironia e coralità di sguardo sul credere e la sua necessità.Il Secondo Premio, Vela d’Argento (e 2000 euro), a:IL CAMMINO DEL GUERRIERO di Andreas PichlerL’originalità, la forza della storia e del personaggio pongono interrogativi sui limiti dell’impegno politico tra istanze collettive, sentimento religioso e radicali scelte individuali.Menzione Speciale a:SGOMBERI di Michael Beltramiper l’approccio diretto che rivela consapevolezza del mezzo e capacità di scavo nelle vicende umane narrate.Il vincitore del premio Casa Rossa 2008, attribuito da una giuria di studenti di corsi universitari di cinema e scuole di cinema italiane èIL PASSAGGIO DELLA LINEA di Pietro Marcello,perché riesce a coniugare attraverso linguaggio e contenuto uno sguardo profondo sull’essere umano e su una parte di realtà sociale italiana.Una menzione speciale va a“BIUTIFUL CAUNTRI”di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Giuseppe Ruggeroper la forza delle immagini con le quali affronta una denuncia necessaria e coraggiosa.La giuria del Premio AVANTI! (Agenzia Valorizzazione Autori Nuovi Tutti Italiani) per la distribuzione culturale, composta da Chiara Boffelli, Luisa Ceretto, Filippo D'Angelo, Angelo Signorelli e Andrea Zanoli, esprime il proprio apprezzamento per la buona qualità di tutte le opere visionate.La giuria seleziona i seguenti film dei concorsi ANTEPRIMA DOC e CORTO DOC:A PIEDI SUL FILO di Enrica Andreetto e Roberto ZazzaraGANCHO CRUZADO di Frediana FornariLO ZIO SEM E IL SOGNO BOSNIACO di Chiara BrambillaWELCOME BUCAREST di Claudio GiovannesiTRADURRE di Pier Paolo GiaroloSENZA PERDERE LA TENEREZZA di Francesca BalboLa giuria del concorso CORTODOC (riservato ai film documentari inediti di durata inferiore ai 10’), composta da lettori del Mucchio Selvaggio e del sito Sentieri Selvaggi, per la potenza evocativa dell’immagine unita alla semplicità e all’immediatezza dell’espressione narrativa attribuiscono una menzione speciale a AIN’T NO SUNSHINE di Silvio Canini.Vince il Corto Doc 2008 A PIEDI SUL FILO di Enrica Andreetto e Roberto Zazzara.

  • 14 Mag 2008IL BELLARIA FILM FESTIVAL-ANTEPRIMA DOC (5-9 giugno 2008) FESTEGGIA RENZO ARBORE E L'ALTRA DOMENICA

    Al festival una serata trasmessa in diretta su RaiSat con lo showman e il cast della trasmissione-culto degli anni '70Il Bellaria Fim Festival (5-9 giugno) ha deciso di rendere omaggio, nel solco dell'attenzione dedicata nelle ultime edizioni a personalità ed eventi della radiotelevisione italiana, ad un artista e ad una trasmissione che hanno contrassegnato in modo deciso la storia 'catodica' nostrana.Sono passati più di trent'anni da quando irruppe nelle nostre tranquille domeniche una trasmissione destinata a diventare di culto: L'ALTRA DOMENICA.Prima ancora che la Rete 1 decidesse di riempire il pomeriggio domenicale con il classico contenitore per famiglie di “Domenica In: sulla Rete 2 la mente geniale di Arbore, coadiuvata da quella di Maurizio Barendson, partorì una trasmissione nuova e completamente diversa da ogni altro show televisivo.La prima puntata andò in onda il 28 marzo 1976 alle ore 13: con Arbore c'erano Gianni Minà, Michel Pergolani, Giorgio Bracardi, Patrizia Schisa, Fiorella Gentile, Silvia Annichiarico, Mimma Nocelli, Fabrizio Zampa, Françoise Rivière, Otto e Barnelli, Remo Procacci . Nel cast era presente Mario Marenco, architetto e designer di fama, nei panni dello svagato telecronista Mister Ramengo con le sue cronache paradossali e con il richiamo "Carmineeee!" urlato di continuo. C'erano le gag del cugino americano Andy Luotto ("bbuono", "nobbuono"), i servizi di Isabella Rossellini e di una giovanissima Milly Carlucci. Indimenticabile la sigla delle Sorelle Bandiera. E poi, “L'altra domenica” rappresentò un trampolino di lancio per un giovanissimo Roberto Benigni, critico cinematografico sui generis.”L'altra domenica” fu anche la prima trasmissione interattiva: il pubblico da casa poteva telefonare in studio e partecipare ai primi quiz telefonici.Sabato 7 giugno Renzo Arbore sarà al la 26^ edizione del Bellaria Film Festival per ricordare e festeggiare insieme a molti dei compagni di allora i trent'anni de L'ALTRA DOMENICA, con una serata da lui stesso condotta e che sarà trasmessa in differita domenica 8 giugno alle ore 21 su Raisat Extra, media partner della rassegna diretta da Fabrizio Grosoli.Ma nei giorni del festival ci sarà anche l'occasione per approfondire un altro dei (molti) volti di Arbore, quello dedicato al cinema. Arbore ha frequentato, in varie vesti, il grande schermo: al BFF sarà possibile rivedere (per quasi tutti, di vedere) IL PAP'OCCHIO, del 1981, da lui scritto, diretto e interpretato. Fanno parte del cast Mariangela Melato, Andy Luotto, Isabella Rossellini, Diego Abatantuono, Silvia Annichiarico, Luciano De Crescenzo (autore con Arbore della sceneggiatura), Le Sorelle Bandiera. Cantato come un musical, colmo di citazioni, è un omaggio alla letteratura italiana (Dante), alla cultura dell’intrattenimento americana (musical), ed una messinscena delle più conosciute tappe della storia di Gesù. È anche l’unico film italiano che gode della partecipazione straordinaria di Scorsese. ll film venne ritirato quasi subito dalle sale: ne fu disposto il sequestro per vilipendio della religione di Stato nel momento di maggior successo. La fotografia appartiene a Luciano Tovoli, lo stesso direttore di Professione: reporter (1975) di Antonioni.Ufficio stampa Bellaria Film FestivalCatia Donini, catia.donini@gmail.com / +39 335.1737040Barbara Perversi, barbara.perversi@gmail.com / +39 347.9464485___________________________Michela MercuriUfficio stampa e ComunicazioneComune di Bellaria Igea MarinaPiazza del Popolo 147814 Bellariatel. 0541 343708cell. 329 7503027

  • 07 Mag 2008RETROSPETTIVA PETER WHITEHEAD

    Con il patrocinio e il supporto dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna, si conferma anche per il 2008 la collaborazione tra Bellaria Film Festival – AnteprimaDoc e Biografilm Festival – International Celebration of Lives, le due manifestazioni regionali che in giugno propongono un’ampia e articolata programmazione cinematografica. Dal 5 al 15 giugno 2008 l’Emilia Romagna vivrà dieci giorni di festival tra cinema, documentari e musica.Dopo la grande retrospettiva dedicata a D.A. Pennebaker e Chris Hegedus dal titolo Dont Look Back nel 2007, quest’anno la retrospettiva, per la prima volta in Europa in forma integrale, è dedicata al geniale cineasta inglese PETER WHITEHEAD.Inventore del videoclip (fu il primo a realizzarlo nella storia del rock), interprete delle tensioni creative del ’68 e regista di film-monumento per band come gli Stones, i Pink Floyd, i Led Zeppelin.Whitehead è diventato negli anni una figura quasi leggendaria: il suo ultimo film è del ’77, e il suo cinema è riscoperto solo oggi.In occasione dell’omaggio sarà pubblicato il primo volume al mondo sul suo cinema, a cura di Laura Buffoni e Cristina Piccino.Peter Whitehead sarà ospite a giugno di entrambi i festival per presentare i propri film e videoclip inediti per l’Italia e incontrare stampa e pubblico, che scopriranno così i dietro-le-quinte dei più grandi concerti rock (Rolling Stones, Led Zeppelin e Pink Floyd) e delle più celebri band del ‘900. Tra i numerosissimi videoclip girati dal regista, anche quelli degli Small Faces, Beach Boys, di Jimi Hendrix, di Nico.L’avvincente biografia di Whitehead si snoda negli anni cruciali del secondo Dopoguerra. Studente d’arte che divide negli anni della facoltà il college con Syd Barrett (l’ispiratore dei Pink Floyd), viene ingaggiato dalla RAI come cameraman a Londra. Un’esperienza fondamentale insieme alla scoperta dei grandi maestri del tempo: Antonioni, Bergman e naturalmente Godard, il regista che ha più influenzato la sua opera, del quale Whitehead ha anche curato la traduzione inglese delle sceneggiature.Tra i molti titoli che verranno proposti per la prima volta in Italia il primo film, Wholly Communion (65), appassionata e straordinaria sintesi -in poco meno di un’ora- dell’evento epico del reading alla londinese Albert Hall, che raduna su un palco, nel ‘65, tutti i poeti della mitica Beat Generation di Ginsberg e Ferlinghetti.E’ per questo che Andrew Loog Oldman, il manager dei Rolling Stones (allora appena agli inizi) lo chiama per girare un film sul tour in Irlanda del gruppo. Charlie is my Darling ('66, dove Charlie è Charlie Watts, il batterista) è il primo film di una serie che vede la band protagonista- l’ultimo è Shine the Lights (2008) di Martin Scorsese.Il film seguente di Whitehead nasce dall’incontro col regista teatrale e drammaturgo Peter Brook: The Benefit of the Doubt (67) è una feroce critica alla guerra americana in Vietnam.Intanto “Time” ha consacrato la definizione di “Swinging London”. Ed è questo il punto di partenza per Tonite Let’s all Make Love in London ('67), titolo “rubato” a un verso di Ginsberg, nel quale Whitehead mescolando immagini di giornali, cartelloni pubblicitari, gente ripresa in strada e star prova a smantellare il mito mediatico evidenziando il conflitto: la repressione, la povertà. l’influenza della Cia nella politica interna britannica. Il flusso segue il sound dei Pink Floyd, già immortalati in concerto nel leggendario club Ufo e in studio durante la registrazione di Interstellar Overdrive, diventato poi la colonna sonora di London '66-'67. Pink Floyd The Movie.Whitehead, colpito dall’assassinio di John Kennedy, lavora a una sceneggiatura sul tema dell’omicidio politico; per questo torna negli Stati Uniti nel maggio del ‘68, poco dopo la morte di Martin Luther King. Un mese dopo gli studenti occuperanno la Columbia University di New York: Whitehead è l’unico presente con la macchina da presa, e documenta l’occupazione e il violento intervento finale della polizia. The Fall ('69) è l’ultimo film realizzato prima di un periodo di ritiro che dura fino al ‘73, l'anno di Daddy, fiaba nera nutrita dalle ossessioni fantastiche dell’artista Niki de St.Phalle, sua fidanzata al momento delle riprese, e nel ‘77 con Fire in the Water, quasi un requiem per gli anni Sessanta.Whitehead viene riscoperto negli anni Novanta con la riedizione (‘94) dei materiali sui Pink Floyd in dvd. Nel frattempo aveva abbandonato il cinema per dedicarsi alla scrittura di alcuni romanzi.Dopo un attacco di cuore qualche anno fa, che lo ha costretto al riposo, è tornato dietro la macchina da presa a Vienna dove sta girando Terrorism Considered as One of the Fine Art ispirato a un suo racconto sulle vicende di un gruppo di ecoterroristi.__________________________________________________________________________________________________________Contatti:Ufficio stampa Regione Emilia-RomagnaGiovanni MasalaViale Aldo Moro, 52 - 40127 BolognaTel. 051 6395087 - Fax: 051 6395389VMasala@Regione.Emilia-Romagna.itUfficio stampa Bellaria Film FestivalCatia Doninicatia.donini@gmail.com / +39 335.1737040Barbara Perversibarbara.perversi@gmail.com / +39 347.9464485Ufficio Stampa Biografilm FestivalAlessandro Russoalerusso@alerusso.it/+39 06 91650 7804Mob. +39 349 3127 219Alice Boscardinalice@pressoffice2punto0.it/ +39 340.9660067Giulia Piazzagiulia@pressoffice2punto0.it/ +39 339.3221474

  • 16 Apr 2008PREMIO ILARIA ALPI E BELLARIAFILMFESTIVAL PRESENTANO L'ANTEPRIMA NAZIONALE

    Il 4 giugno a Riccione e il 5 giugno a Bellaria l'anteprima del documentario del grande giornalistaWAR ON DEMOCRACY di John Pilger, celeberrimo corrispondente e reporter di guerra, autore di più di 50 documentari, verrà proiettato in anteprima nazionale il 4 giugno a IA Doc-Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi di Riccione e il 5 giugno al Bellaria Film Festival di Bellaria Igea Marina, rassegne che ripropongono anche quest'anno la fortunata collaborazione inaugurata nel 2007.La figura di John Pilger è circondata da un alone quasi leggendario; di origini australiane ma londinese d'adozione, pluripremiato, ha coperto conflitti in tutto il mondo, in Vietnam nel '67, in Birmania, Cambogia, Egitto, India, Palestina, sempre in prima linea nello svelare le verità omesse dai grandi circuiti mediatici internazionali.Ha vinto due volte il principale premio giornalistico britannico (il Journalist of the Year) e i suoi documentari si sono aggiudicati un'infinità di altri riconoscimenti, incluso un Emmy e un Reporters sans frontières Award.Ha scritto vari libri, tra i quali "Heroes" e "Hidden Agendas", rivelando i retroscena di molti conflitti sanguinosi.I suoi articoli appaiono sui più importanti giornali internazionali tra cui Guardian e Independent e New Statesman in Gran Bretagna, New York Times e Los Angeles Times.I suoi articoli, i numerosi libri, i suoi documentari sono altrettanti atti di accusa nei confronti di quei potenti del mondo che, controllando anche i grandi circuiti dell'informazione, possono portare avanti le loro politiche in totale impunità.In WAR ON DEMOCRACY, distribuito in Italia da Fandango, è contenuta una rara intervista al presidente venezuelano Hugo Chavez,Il film è stato girato in Venezuela, Bolivia, Cile e Stati Uniti, ed è ambientato anche in Guatemala e Nicaragua. Racconta la storia dell'America Latina tracciando il percorso delle lotte indigene prima contro gli spagnoli, poi contro gli immigrati Europei che hanno rinforzato la vecchia elite. Le riprese si sono concentrate nei barrios, dove le "persone invisibili" del continente vivono in baracche sui bordi delle colline che sfidano la forza di gravità. E utilizza, in definitiva, la metafora ampia della guerra per la democrazia per parlare della lotta universale della gente comune, dal Venezuela al Vietnam, dalla Palestina al Guatemala.Frutto dell’unione fra il Premio Ilaria Alpi e il festival bellariese anche uno spazio, all’interno del Bellaria Film Festival, dedicato al giornalista Enzo Biagi, Premio alla Carriera Ilaria Alpi 2005.Inoltre, il seminario “Documentario giornalistico: sguardo oggettivo e soggettivo?” organizzato da IA Doc e BFF in collaborazione con Associazione Documentaristi Emilia Romagna (DER). I lavori inizieranno nel pomeriggio di martedì 3 giugno nell’ambito di IA Doc per proseguire nelle giornate del 6,7 e 8 giugno al BFF. Interverranno: Elisa Mereghetti (documentarista), Nelson Bova (giornalista) e Vincenzo Pergolizzi (giornalista RAI e documentarista). Modera Alberto Nerazzini giornalista di Anno Zero.Informazioni:www.bellariafilmfestival.orgwww.ilariaalpi.itUfficio stampa premioRoberta Silverio 335.1386453Ufficio stampa BFFCatia Donini catia.donini@gmail.comBarbara Perversi – barbara.perversi@gmail.com

  • 02 Apr 2008CORTODOC - BELLARIA FILM FESTIVAL un docmentario in 10 minuti

    Il Bellaria Film Festival Anteprimadoc 2008, che si svolgerà a Bellaria Igea Marina (Rimini) dal 5 al 9 giugno, ha aperto le selezioni per il concorso Cortodoc08, che si affianca al concorso Anteprimadoc e al Premio Rossa Rossa.Già “storico” concorso dei 150” (dove gli autori in in 3 minuti dovevano cimentarsi su un tema fisso), Cortodoc cambia pelle, allunga il proprio spazio fino a 600 secondi e si adegua alla natura della rassegna diretta da Fabrizio Grosoli, che è tra gli appuntamenti internazionali più rilevanti per il documentario: potranno partecipare a Cortodoc i film documentari in pellicola o in video, narrativi o di creazione, della durata massima di 10 minuti, terminati dopo il 1° gennaio 2007.Per la proiezione pubblica sono ammessi i formati 35 mm e 16 mm per le pellicole; Betacam SP per i video.I lavori vanno inviati alla segreteria del festival (Bellaria Film Festival - Anteprima Doc, c/o Biblioteca Comunale A. Panzini, Viale Paolo Guidi, 108, 47814 Bellaria) entro il prossimo 25 APRILE.Al vincitore andrà un premio unico di 1.500 euro.Informazioni ed entry form sul sito del festival (www.bellariafilmfestival.org).

  • 12 Feb 2008SCARICA QUI I BANDI 2008

    SUL SITO WWW.BELLARIAFILMFESTIVAL.ORG SONO SCARICABILI I BANDI DI CONCORSO 2008.Si aprono le selezioni per l'edizione 2008 del Bellaria Film Festival Anteprimadoc, che quest'anno segna un leggero cambio di date: si svolgerà a Bellaria Igea Marina (Rimini) dal 5 al 9 giugno 2008.Il festival, diretto per il terzo anno consecutivo da Fabrizio Grosoli, è tra gli appuntamenti più rilevanti per il documentario narrativo e di creazione, e si propone di ricercare, valorizzare e promuovere i prodotti della cinematografia documentaria italiana e favorire lo scambio e il confronto di esperienze tra i cineasti; Al concorso Anteprimadoc (che lo scorso anno ha incoronato vincitore Onibus di Augusto Contento) possono partecipare i film documentari -in pellicola o in video- terminati dopo il 1° gennaio 2007, di qualunque durata e qualunque formato; I lavori sottoposti alla selezione non devono essere stati presentati in altri festival o distribuiti nelle sale cinematografiche.Per la proiezione pubblica sono ammessi i formati 35 mm e 16 mm per le pellicole; Betacam SP per i video.Il Bellaria Film Festival assegna anche il premio Casa Rossa Doc (5000 euro) al regista del miglior film documentario già distribuito nelle sale cinematografiche, o presentato ad un festival nazionale o trasmesso da un canale televisivo nazionale dopo il 5 giugno 2007.Il premio intende segnalare i migliori documentari italiani dell'anno; la preselezione è effettuata in collaborazione con Doc/it ed affidata ad un comitato di esperti del settore, mentre durante il giorni del festival sarà una giuria popolare di studenti a premiare il miglior doc. Nell'edizione 2007 il Premio Casa Rossa è andato a Primavera in Kurdistan di Stefano Savona.Le richieste di ammissione ai concorsi devono essere inoltrate utilizzando le schede ufficiali di iscrizione; devono pervenire a:Bellaria Film Festival - Anteprima Doc,c/o Biblioteca Comunale A. Panzini,Viale Paolo Guidi, 108, 47814 Bellariaentro il 1° aprile per il Casa Rossa, entro il 15 aprile per Anteprimadoc.Informazioni ed entry form su http://www.bellariafilmfestival.org(info: tel. 0541/343889 - 343708)._______________________________________Ufficio Stampa BFF – AnteprimadocCatia Donini (catia.donini@gmail.com)Barbara Perversi (barbara.perversi@gmail.com)

Torna all'Archivio
Adria Web - Realizzazione Siti Internet Rimini