Z.O.

16 Luglio 2024 | 05:55

Un pomeriggio come tanti trascorsi nella periferia orientale di Salerno, tre quindicenni sono rintanati nella penombra del loro “clèb”, uno storico circolo di tifosi della Salernitana ricavato in un angusto garage. Ognuno dei ragazzi porta un bizzarro soprannome, come è tipico in certe zone della Campania: Biscotto, Banana e infine Bambolina, così chiamato per il carattere ritenuto debole, ma che desidera ardentemente cambiare questo stato di cose e ribellarsi, una volta per tutte.
La scoperta di una scatola piena di petardi pesanti crea l’occasione per mettere in piedi un’apparentemente “innocua” bravata, dietro cui in realtà si nasconde un ordine partito dai piani alti: la criminalità organizzata locale, a cui sono legate le famiglie dei tre ragazzi. Qualcosa va storto, l’operazione si risolve in una fuga dalla polizia su una spiaggia isolata: è il momento di una resa dei conti tra Bambolina e Biscotto, che segnerà il loro futuro.


Casa di produzione: Lapazio Film

Prodotto da: Chiara Marotta

Budget: € 32.000,00

Copertura finanziaria raggiunta: € 25.000,00

Regia di Loris G. Nese

13'

Italia

2023

Loris G. Nese

(Salerno, 1991) Loris Giuseppe Nese è autore, regista, direttore della fotografia e animatore cinematografico. Si è laureato in DAMS e in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso l’Università di Bologna. Si è formato al corso di produzione e regia di film documentari Filmap. Ha lavorato in diversi ruoli per videoclip, cortometraggi e lungometraggi di finzione e documentari, tra cui “L’Intrusa” di Leonardo Di Costanzo, come regista e animatore stop-motion per video RAI. È regista, sceneggiatore e direttore della fotografia di “Quelle brutte cose”, unico cortometraggio italiano in concorso al Sundance Film Festival 2019 e premiato alla 33. Settimana Internazionale della Critica di Venezia.